IMG 20191212 WA0017

“Un Natale che sa di Rodari” è il titolo del tradizionale concerto di Natale promosso dalla sezione ad indirizzo musicale dell’Ic Matteotti di Aprilia e dalle classi quinte della primaria del plesso Deledda. Il concerto che vedrà esibire circa 200 bambini e che, come ogni anno, si trasforma in una festa di auguri musicali per tutto l’istituto comprensivo Matteotti  si terrà mercoledì 18 dicembre al teatro Europa di Aprilia in via Giovanni XXIII alle ore 18.30. Il concerto di quest’anno è incentrato sulla figura di Gianni Rodari. Scrittore, poeta, giornalista, amante della musica, viaggiatore, divulgatore pedagogico ha dedicato tutta la sua vita al mondo dei bambini, regalando delle pagine uniche di letteratura per bambini e soprattutto, salvaguardando loro il diritto alla fantasia e alla speranza nel futuro. Il 23 ottobre 2019 sono iniziati ufficialmente i festeggiamenti per l’anniversario dei 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari. Manifestazioni in tutta Italia per mantenere vivo il suo ricordo e la sua nobile eredità a cui l’Ic Matteotti non poteva sottrarsi. Il coro Matteotti Junior composto dai bimbi della primaria canterà due poesie di Gianni Rodari “Il gioco dei se”  e “anno nuovo” musicati dal maestro Tullio Visioli, considerato il Gianni Rodari della musica per bambini. Le classi quinte della Deledda reciteranno delle sue poesie e filastrocche incentrate sul Natale, seguite da canti della tradizione popolare natalizia accompagnati dai docenti di strumento della sezione ad indirizzo musicale Riccardo Toffoli (pianoforte), Bruno Soscia (Clarinetto), Francesco Deantoni (violino), e dall’insegnante di batteria dell’associazione Kammermusik Roberto Erdas nonché diretti dall’insegnante di musica Gabriella Vescovi. I bambini della primaria sono stati accuratamente preparati dalle insegnanti del plesso Deledda per un qualcosa di magico e unico. A seguire il coro Matteotti e l’orchestra Matteotti composti dalla sezione ad indirizzo musicale della secondaria che suonerà tre brani: Inno Matteotti, Libertango e White Christmas in un finale che coinvolgerà tutti. Il concerto è dedicato a Roberto Fiorentini, ragazzo di 32 anni al quale la vita ha tolto le speranze del futuro. Giovane studioso, ricercatore universitario, cittadino modello e impegnato attivamente nella vita sociale apriliana Roberto Fiorentini ha accettato una proposta lavorativa di ricerca presso la prestigiosa università di Washington. Da poco trasferitosi in America, è stato colto da un malore improvviso che non gli ha lasciato scampo. Fiorentini ha piantato proprio a settembre un albero sul piazzale della scuola nella giornata dedicata allo sciopero mondiale sul clima. A lui l’istituto comprensivo promuoverà altre iniziative di ricordo. Come Andrea Di Gioia a cui l’istituto dedica l’annuale festival delle orchestre pontine, Fiorentini rimarrà un modello da seguire per i giovani studenti. Il 19 dicembre dalle ore 17 alle ore 18, inoltre, per tutti gli alunni delle classi quinte primaria di Aprilia intenzionati a studiare uno strumento tra clarinetto, violino, pianoforte e chitarra sarà possibile avere presso la sede centrale di via Respighi un primo approccio con lo strumento musicale con i docenti della secondaria. Un modo per conoscere e tentare di condividere tre anni stupendi di corso ad indirizzo musicale, ricchi di musica, concerti, iniziative, concorsi e viaggi “musicali”.